vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Architettura e città Ernesto Antonini, La città sostenibile

Massa Lombarda (RA), 6 giugno 2010, ore 20.30

La Scuola Superiore di Studi sulla Città e il Territorio dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna

e il Comune di Massa Lombarda

con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Ravenna
organizzano un ciclo di conferenze dal titolo
"ARCHITETTURA E CITTÀ"
a cura di Massimiliano Casavecchia

dopo Marco Romano e Giuliano Gresleri
il terzo appuntamento è per Lunedì 6 giugno  ore 20.30
presso la Sala Multimediale – Centro Culturale "Carlo Venturini", Viale G. Zaganelli n. 2 -  Massa Lombarda (RA)

Relatore è Ernesto Antonini

Professore associato di Tecnologia dell’Architettura presso la Facoltà di Architettura "Aldo Rossi" dell'Università di Bologna. Già responsabile del servizio Ricerca & Sviluppo del QUA.S.CO. di Bologna. Autore di vari saggi e relatore in convegni e conferenze. Ha partecipato a programmi di ricerca e sperimentazione nazionali e comunitari sui temi della informazione tecnica, dell'innovazione edilizia e urbana. E' membro del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Tecnologia dell’Architettura, (dal XVI ciclo) presso l’Università di Ferrara, sedi consorziate Università di Bologna e IUAV Venezia.

Titolo della conferenza è "La città sostenibile"

A oltre quindici anni dalla "Dichiarazione di Aalborg" per una città durevole e sostenibile (1994), l’obiettivo di un modello insediativo eco-responsabile sembra ancora dibattersi fra mito e moda, restando in buona parte disatteso. Anche se in Europa non mancano città e quartieri che hanno saputo mitigare in modo esemplare i loro impatti ambientali, le pratiche diffuse e le politiche correnti faticano ancora a trovare strumenti efficaci per orientare lo sviluppo urbano verso modelli compatibili con le risorse di un pianeta sovrappopolato e sovrasfruttato. Ridurre drasticamente la dipendenza da risorse non rinnovabili - prima di tutto suolo ed energia - è condizione per assicurare che la città mantenga il ruolo di motore dello sviluppo sociale che ha storicamente svolto. Ma per questo, poche delle forme e dei modi di funzionamento consolidati risultano adeguati, e molti saranno invece da reinventare.

L'Ordine degli Architetti della Provincia di Ravenna riconosce a tali conferenze il carattere di formazione professionale permanente e attribuisce ad ognuna due cfp (crediti formativi professionali)

Documenti